Le colture cellulari non sono tutte uguali...

Materiale didattico: Prof.ssa Monica Forni
Video: Dott. Irvin Ricardo Tubon Usca
Ringraziamenti: Dott.ssa Martina Bertocchi

 

...Alcune sono più simili alle cellule quando sono ancora nel contesto del tessuto, si chiamano colture primarie e sono completamente diverse dalle linee cellulari immortalizzate che si possono acquistare. Le colture primarie non possono essere mantenute a lungo, dopo un certo numero di passaggi perdono le loro caratteristiche distintive non sono quindi più rappresentative del tessuto in vivo. Nei primi passaggi di coltura sono però tra i metodi sostitutivi (Replacement nella Scienza dell’Animale da Laboratorio) migliori per studiare i fenomeni biologici a carico di quel tipo cellulare senza utilizzare animali. Il difetto è che, proprio perché hanno una vita d’uso predefinita, con una certa frequenza dobbiamo isolare le cellule dall’organo e quindi sacrificare un animale a questo scopo. Nel nostro caso abbiamo messo a punto un metodo per produrre colture primarie di cellule endoteliali suine da tratti di aorta toracica raccolti al macello coniugando quindi Replacement e Reduction del numero di animali. Data la importanza traslazionale del modello suino, in particolare nel campo cardiovascolare, gli studi su queste cellule ci permettono di far avanzare le conoscenze senza sacrificare animali ottenendo comunque risultati scientificamente attendibili.

Scienza dell'animale da laboratorio e modelli di medicina traslazionale

 
Video didattico
Video

 

Allestimento di colture cellulari
primarie da segmenti di aorta di suino
prelevati al macello

 

 

Vai

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti e cookie per la visualizzazione di video embedded di YouTube.com. Continuando la navigazione del sito, si accetta la nostra cookie policy.